Amiata Crete Senesi Chianti Val d'Elsa Val d'Orcia Val di Chiana Val di Merse Val d'Arbia Siena
 
 

 

 

 
 

 

I suoi abitanti la chiamano al femminile, la montagna, quasi a volerne sottolineare i caratteri di "madre" austera e ruvida, spesso scontrosa, nascosta da gonfi nuvoloni, ma sempre generosa, anche se di una generositÓ essenziale, con i suoi figli che ne traggono di che nutrirsi.

I suoi boschi hanno dato da sempre legna per riscaldarsi o per lavorare, castagne con cui sfamarsi ed oggi continuano ad essere un polmone verde per pulizia, preziosa aria; i suoi campi hanno fornito grano o segale, pascoli salubri o viti ed olivi; i suoi torrenti hanno per secoli mandato gualchiere, ferriere, ramiere o cartiere ed oggi, anche troppo sfruttati, dissetano di acqua buona il Senese, il Grossetano ed il Viterbese; le sue viscere fin dal tempo degli etruschi hanno fornito cinabro, e poi farina fossile e mercurio in epoca recente, energia geotermica nei nostri anni. L'isolamento, la marginalitÓ, da secoli caratteristica della montagna, non hanno permesso l'inquinamento che si Ŕ avuto in altre zone del paese, hanno mantenuto in gran parte intatto l'ambiente, conservato i centri storici ed antiche e secolari tradizioni, mantenendo negli Amiatini un forte senso di radicamento al territorio e di identitÓ storico-culturale. Ed oggi l'ambiente, i beni culturali, la cultura sono grandi risorse per riprogettare un futuro dove l'uomo non sia pi¨ nemico e devastatore della natura.

 

 
 

 

 

I Comuni

Abbadia San Salvatore

Castiglione d'Orcia
Piancastagnaio
Radicofani

 

Il Territorio

Parco Naturale Pigelleto

Parco Museo Minerario
L'Amiata

Abbazie e Rocche

Abbazia del SS. Salvatore

Rocca di Radicofani
Rocca d'Orcia
Campiglia d'Orcia

 

 

Le Acque

L'Acqua del Vivo

La Balena Bianca

 

 

 

 

 

 

Eventi

1000 Miglia

Presepe Vivente