Home Page

   
 

 

 

...che questa terra, tutta fatta dall'uomo, dai suoi sudori, dalle sue fatiche, per secoli e secoli, per generazioni umili e tenaci, splendida perch sempre sottovoce e mai a gola spiegata, con un'aria che l'avvolge come se fosse una sua atmosfera privata e non quella di tutti, con un cielo che come una pittura a tempera, che quando limpido traspare, e quando non limpido reca nuvole di panno e di feltro, dense, quasi non contenessero pioggia n grandine n neve, ma fossero l'esatto contrappeso di questa terra secca e dura...

Io la guardo, in una giornata che sembra di vedere anche attraverso le montagne azzurrine, cos azzurrine l all'orizzonte, cos limpide all'orizzonte: fresco ancora, il grano sembra tratteggiato a mano come quando da bambini si fa (o si faceva) le aste, e le viti non hanno messo, e gli ulivi vengono potati, diradati, sembrano fatti di fiato pi che di foglie: e mi dico, ma proprio vero che queste cose non debbano dir niente pi a nessuno, che non ci sia tempo per fermarsi a guardare?

 

 

Fermarsi a guardare delle cose che non cercano di farsi guardare, e non sembra neppure che siano fatte per essere guardate: sono filari, sono cipressi, sono prati, sono campi lavorati. C' una ragione in tutto questo, uno scopo, un utile. E tu invece li guardi, ti fermi l, e quasi a bocca aperta, come fosse uno spettacolo meraviglioso: un attimo di sospensione, uno jato felice fra ieri e domani, in cui ad un tratto l'oggi t'attraversa e si ferma: qualcosa che merita di essere vissuto.

N si consuma.

 

 

Frammenti da

"Addio Toscana", in Aria di Siena

Cesare Brandi